Risparmia dal 9 aprile su Amazon Prime Video: non farti sfuggire le migliori offerte!

0

Da tempo era stato anticipato e ora è ufficialmente arrivato anche in Italia: la pubblicità su Amazon Prime Video. A partire dal 9 aprile, gli abbonati potranno trovarsi di fronte a brevi spot e annunci durante la visione di film, serie TV e contenuti inclusi gratuitamente nell’offerta di Amazon Prime Video. Per chi desidera un’esperienza senza interruzioni pubblicitarie, è possibile prenotare la versione a pagamento che richiede un supplemento mensile di 1,99 euro.

Amazon assicura che il numero di annunci sarà limitato e che non verranno inseriti durante la fruizione di contenuti acquistati o noleggiati. L’introduzione della pubblicità si inserisce nella strategia aziendale di incrementare le entrate al fine di continuare a investire in qualità e nuovi contenuti per arricchire l’offerta di Prime Video. Tuttavia, Amazon sostiene che gli annunci pubblicitari saranno significativamente inferiori rispetto alla televisione tradizionale e ad altri servizi di streaming.

Gli abbonati italiani stanno ricevendo una mail di notifica riguardo all’arrivo della pubblicità su Amazon Prime Video a partire dal 9 aprile. Inoltre, come già avvenuto in altri paesi, l’abbonamento base potrebbe non includere più Dolby Vision e Dolby Atmos per chi sceglie di non visualizzare alcuna pubblicità pagando il supplemento mensile.

Amazon diventa così l’ultimo dei principali servizi di streaming a introdurre la pubblicità, seguendo l’esempio di Netflix e Disney+. Per ulteriori approfondimenti e aggiornamenti riguardanti i servizi di streaming per film, serie TV, musica e videogiochi, è possibile consultare la sezione dedicata su macitynet.

Amazon Prime Video con pubblicità dal 9 aprile altrimenti si paga

Amazon Prime Video introduce la pubblicità anche in Italia a partire dal 9 aprile. Gli abbonati possono evitare gli annunci pagando un supplemento mensile. Amazon promette un numero limitato di spot durante la visione di film e serie TV. L’introduzione della pubblicità servirà ad aumentare le entrate per investire in qualità e contenuti. Nei paesi in cui la pubblicità è già attiva, l’abbonamento base non include più Dolby Vision e Dolby Atmos. Netflix e Disney+ hanno già introdotto la pubblicità con successo.