L’onestà di Phil Spencer: la verità dietro al cattivo sincero | La settimana videoludica N°8 su #GamersDigest 2024

0

Alla luce delle recenti novità della settimana videoludica, possiamo osservare un interessante cambio di strategia da parte di Xbox, rappresentata dal CEO Phil Spencer. Nell’intervista concessa a Stephen Totilo, Spencer ha espresso con grande sincerità l’obiettivo principale dell’azienda: la crescita continua. Dopo un periodo in cui le strategie di allargamento della base di utenti sembravano aver raggiunto un punto di saturazione, Xbox si è ora concentrata sull’ingresso di nuovi giocatori nel mondo dei videogiochi, cercando di rendere i giochi disponibili su un numero sempre maggiore di piattaforme.

L’interesse nei confronti del multipiattaforma è evidente, come dimostrano i prossimi titoli che verranno rilasciati su piattaforme concorrenti come PS5 e Switch. Questo nuovo approccio, che prevede anche una maggiore presenza del cloud gaming su dispositivi non convenzionali come smart TV e tablet, mira a favorire l’accesso al gaming a un pubblico più ampio, superando eventuali ostacoli legati al prezzo dei giochi o alla difficoltà di accesso.

Phil Spencer ha inoltre parlato dell’importanza di avere le persone giuste al posto giusto per garantire il successo dell’azienda. Questo è emerso chiaramente anche dai recenti licenziamenti in Activision Blizzard, che sono stati motivati dall’ottimizzazione della struttura aziendale e non da una situazione di emergenza economica, considerando che l’acquisizione della compagnia ha portato a una crescita significativa dei ricavi di Microsoft.

D’altra parte, è emersa anche una vicenda controversa riguardante l’accusa di monopolio e pratiche anti-competitive nei confronti di Activision da parte del CEO di Optic Gaming, Hector “H3CZ” Rodriguez, e l’ex membro del team Seth “Scump” Abner. Secondo l’accusa, Activision avrebbe acquisito il monopolio delle leghe Esport di Call of Duty, impedendo la partecipazione di altri competitor e limitando le possibilità economiche dei giocatori e dei team in gara. Le accuse sono state respinte da Activision, che si prepara a difendersi in tribunale.

In conclusione, le novità della settimana ci mostrano un panorama videoludico in evoluzione, con Xbox che mira a una maggiore inclusione e accessibilità per i giocatori, mentre sorgono controversie legate alle pratiche di monopolio nel mondo degli Esport. È evidente che il settore videoludico continua a evolversi, con nuove sfide e opportunità che si aprono per le aziende e i giocatori.

Phil Spencer è un cattivo sincero | La settimana videoludica N°8 | #GamersDigest 2024

Il CEO di Optic Gaming, Hector “H3CZ” Rodriguez, e l’ex membro del team Seth “Scump” Abner, hanno depositato una denuncia contro Activision, accusandola di pratiche anti-competitive e estorsioni nei confronti dei giocatori e dei team di Esport di Call of Duty. Secondo l’accusa, Activision ha monopolizzato la gestione delle leghe Esport di Call of Duty e ha impedito il finanziamento da parte di sponsor indipendenti. I querelanti chiedono 680 milioni di dollari in compensazione. Activision ha respinto le accuse e si difenderà in tribunale.