Il futuro della tecnologia: cosa rende Vision Pro un dispositivo rivoluzionario” “Vision Pro: il dispositivo che potrebbe cambiare per sempre il modo di vedere la realtà

0

Secondo alcune fonti interne al Vision Products Group di Apple, potrebbero essere necessarie ben quattro generazioni del visore prima che questo raggiunga quella che Apple considera la forma ideale. Mark Gurman, redattore di Bloomberg, ha riportato queste informazioni nella sua newsletter “Power On”, sottolineando che alcuni membri del team reputano necessario ancora del lavoro prima che il dispositivo possa essere considerato completamente affinato per un utilizzo quotidiano.

Non è ancora ben chiaro cosa significhi esattamente “forma ideale” per il team di sviluppo, ma è probabile che Apple stia prendendo in considerazione le critiche emerse dai primi utenti riguardo sia l’hardware che il software del visore. Alcune delle critiche riguardano il peso eccessivo del visore, rendendolo ingombrante per un utilizzo prolungato, oltre alla necessità di miniaturizzare i componenti per migliorare l’esperienza d’uso. Altre critiche riguardano la scarsa durata della batteria, il numero limitato di applicazioni native e la presenza di numerosi bug su visionOS, il sistema operativo del visore.

Se Apple riuscirà a risolvere queste questioni con le future generazioni del visore, potrebbe essere possibile che il Vision Pro possa un giorno sostituire l’iPad, seguendo l’esempio di quanto avvenuto con le varie “incarnazioni” di iPhone, iPad e Apple Watch.

Tuttavia, la sfida per Apple potrebbe essere significativa, in quanto la Casa di Cupertino ha ottenuto risultati contrastanti nel cercare di proporre l’iPad come sostituto del Mac. Nonostante gli sforzi per rendere l’iPad un dispositivo multitasking, dotato di funzionalità come Stage Manager, l’iPad fatica ancora oggi a essere considerato un prodotto sempre valido per la produttività e a sostituire il Mac.

Tornando al Vision Pro, Gurman ritiene che saranno necessari aggiornamenti hardware, una serie di aggiornamenti software e un migliore supporto da parte degli sviluppatori di app e dei creatori di contenuti per farlo diventare un possibile sostituto dell’iPad. Al momento, il Vision Pro viene considerato essenzialmente un prototipo, per il quale bisogna pagare Apple per il privilegio di testarlo.

Infine, sembra che le prime sensazioni suscitate dal Vision Pro siano davvero positive, tanto che dirigenti e marketing Apple ne sottolineano l’entusiasmo e la sorpresa. Anche personalità del calibro del regista e filmaker James Cameron lo hanno definito un’esperienza religiosa, mentre per il marketing Apple è addirittura il dispositivo di intrattenimento definitivo.

In conclusione, Apple sembra avere delle ambiziose prospettive per il Vision Pro, ma dovrà affrontare diverse sfide per farlo diventare il dispositivo ideale immaginato dall’azienda.

Vision Pro, potrebbero servire anni prima che diventi il dispositivo ideale immaginato da Apple

Apple sta lavorando su un visore VR, ma secondo alcune fonti interne, potrebbero essere necessarie ancora quattro generazioni del visore prima che diventi quello che Apple considera essere la forma ideale. Ci sono critiche riguardo al peso e all’ingombro del visore, alla durata della batteria, al numero di applicazioni native e ai bug su visionOS. Secondo Gurman, se Apple riuscirà a risolvere queste questioni, il Vision Pro potrebbe un giorno sostituire iPad. Tuttavia, al momento è considerato più un prototipo per il quale bisogna pagare Apple per testarlo. Alcuni dirigenti e il marketing Apple evidenziano emozione nel provare il Vision Pro, ma serve ancora aggiornamenti hardware e software, e il supporto migliore degli sviluppatori di app e dei creatori di contenuti prima che possa diventare un sostituto di iPad.